.
Annunci online

  senzafreni2lavendetta [ per chi non ha paura e per chi ne ha troppa ]
         

Get Stickam for Free.




ciò che appare,spesso non è....

...tutti siamo due di uno...

..abbiamo un pò paura...


...pensiamo troppo...

ecco quindi, l'ombra di SenzaFreni

...a parlarvi di Sentimenti...


...a 360°...(Web, il nostro Labpast)

...e attraverso le mie foto...

...farvi soffermare sui particolari...

...con occhi diversi (autoscatto).....

...senza chiuderli...MAI...(Roma)

...specialmente di fronte alla Realtà..

...alle Possibilità...



...alle Assurdità...

.....TUTTO QUESTO E'.....


Ovvero:
SenzaFreni
(anche conosciuta come: Apokalipse)








  


23 maggio 2018

Se gli italiani non hanno il pane, che mangino le brioches

Editoriale di Emilia Urso Anfuso (senzafreni)

Pubblicato sul quotidiano: Gli sComunicati - www.gliscomunicati.it - e su Agoravox Italia

Nelle stesse ore in cui i partiti italiani perdono tempo preziosissimo per decidere che cosa fare del futuro degli italiani, oltre seimila insegnanti – non di ruolo – rischiano di essere declassati a livello contrattuale, e qualche centinaio di insegnanti di ruolo, con contratto a “tempo indeterminato”, rischiano invece di essere letteralmente buttati in mezzo alla strada.

Sono gli effetti choc di una sentenza del Consiglio di Stato, che prevede che il diploma magistrale non sia "abilitante per la professione". Paradossale, in una nazione il cui Ministro dell'Istruzione - Valeria Fedeli - è stata oggetto di scandalo, per non aver mai consguito una laurea ma aver millantato di averlo fatto.

E’ in atto un picchetto stabile, sotto al Ministero dell’Istruzione, ma le forze dell’ordine – capitanate dal governo – non permettono agli insegnanti, che hanno anche più volte fatto lo sciopero della fame – di restare sui gradini del MIUR oltre un orario prestabilito: dalle 09:00 alle 14:00.

Non basta: ogni singolo manifestante è stato identificato, manco fossero aizzatori di folle e violenti contestatori, e come ciliegina finale, gli insegnanti in questione vengono braccati dalle forze dell’ordine, che arrivano persino a fotografarli mentre dormono in auto, pur di continuare la loro protesta pacifica.

Per rendere il tutto ancora più difficile, gli insegnanti che stanno rischiando di restare senza lavoro, senza dignità e senza un futuro, sono costretti a chiedere ogni santo giorno, il permesso di manifestare: significa tornare ogni giorno in questura, per pietire il diritto di lavorare e di avere una vita dignitosa.

Ora provate a fare una ricerca su questa notizia: le grandi testate nazionali non ne parlano da inizio maggio. Non è una notizia “interessante” quanto può esserlo il Royal Wedding, il campionato di calcio o la bieca melina che, dallo scorso 4 Marzo, i politici nazionali non si vergognano di mettere in scena.

Accade in Italia, non in Burkina Faso – dove forse si vive meglio che da noi – e accade nel periodo in cui stanno accadendo in Italia cose di una gravità assoluta, ma svendute come “La soluzione a tutti i mali degli italiani”. E’ così che funziona il sistema di contro informazione nel mondo della politica: dicono le cose al contrario, ma la gente non si è ancora resa conto di come funzioni questo metodo.

Stilano “contratti di governo”, loro, i “salvatori della patria” che non ci mettono nemmeno la faccia alle castronerie scritte in questo documento, visto che è stato deciso  che il premier dovrà essere una testa di legno. Eh si, perché questa strategia di sfilarsi dall’incarico – da parte di Di Maio e di Salvini – non è un  “passo indietro” che denota trasparenza, onestà e responsabilità nei confronti del popolo, quanto una bieca strategia per poter dire, quando sarà palese che le cose che dicono di voler realizzare, che no, non era proprio possibile “cancellare la Riforma Fornero” o “varare il reddito di cittadinanza” o ancora “abbattere le tasse” e “creare posti di lavoro”.

Il presidente Mattarella, che fino a oggi ha dimostrato – non poteva fare altrimenti – una pazienza che Giobbe gli fa un baffo, oggi ha aperto a un chiarimento “Come chiarisce l’art. 95 della Costituzione, il premier non può essere un mero esecutore”. E’ ciò che dico e scrivo da quando i due concordatari parlano di “contratto di governo e premier terzo”. Oggi l’ha dichiarato il presidente Mattarella. Non amo aver ragione su certe tematiche, ma tant’è…

In tutto questo bailamme, sia chiara una cosa: non vi è alcuna certezza che le questioni urgenti per il popolo italiano avranno soluzione.

Solo per quanto riguarda il reddito di cittadinanza, bisognerebbe prima riammodernare i 500 inutili centri per l’impiego, che negli ultimi anni sono serviti a dare lavoro a circa il 2% degli iscritti.

Dopodiché, potrebbero metter mano a questo reddito di cittadinanza, il cui funzionamento – come ho spiegato più volte – è del tutto simile alla terribile Riforma Hartz 4, che in Germania ha distrutto i diritti dei lavoratori e delle famiglie.

In ogni caso, non se ne potrebbe parlare prima di due anni. Sai quante cose succedono in due anni, in una nazione come l’Italia?

Che dire della promessa di “cancellare la Riforma Fornero”? Non è possibile tecnicamente, ed economicamente, parlando. Mancano le risorse economiche. Quale governo troverebbe 150 e passa miliardi in cinque anni, per far tornare il sorriso sui volti di milioni di italiani?  Nessuno.

Il problema non è tanto “come cancellare la legge Fornero” quanto chiedersi “Perché hanno introdotto la legge Fornero”, ma qui la risposta è semplice: da un lato perché gli enti di previdenza nazionali sono messi molto male coi conti, dall’altro perché nel processo – in atto dal 2008 a inizio della crisi economica mondiale – di distruzione delle classi medie, una delle priorità era proprio togliere il diritto di pensione ai lavoratori, parallelamente al fatto di togliere il diritto al lavoro.

Insomma: stanno accadendo cose di un livello di gravità incredibile. Giocano sempre di più e con maggior violenza con la vita di milioni di persone, non si vergognano a raccontare balle e venderle per verità assoluta un tanto al chilo, trattano gli onesti cittadini come fossero delinquenti da strapazzo…

Cosa manca a questo popolo per rendersi conto della situazione reale? Cosa devono fare, ancora, per dichiarare che il progetto non è certo quello di risolvere i problemi creati proprio dalla classe politica nazionale e anche da quelle a livello internazionale?

Ai tempi della rivoluzione francese, il popolo insorse. E insorse proprio quando – ormai allo stremo e alla fame – si sentì rispondere con la famosa frase: “Se il popolo non ha il pane, dategli le brioche”.

Se il popolo italiano sta davvero aspettando di ridursi alla fame per insorgere, in maniera pacifica ma compatta, davvero non comprendo più i miei connazionali. Che possono anche essere ancora mediamente in grado di assicurarsi una tranquillità economica che gli consente di campare, ma che non stanno comprendendo come, questa tranquillità economica, sia ormai basata su fondamenta molto instabili, e basta un decreto legge, varato nottetempo, per farli ritrovare poveri in canna, e senza alcun futuro, diritto e dignità.

Forse, a molti italiani piacciono le brioche. Io preferisco un pezzo di pane, un filo d’olio e la mia dignità spalmata sopra. Ci aggiungo anche una bella spalmata di capacità critica e di onestà intellettuale: tutti ingredienti di altissimo valore e qualità, che nessuno mai potrà negarmi. Fateci un pensierino, invece di continuare a pietire un poco di dignità, a chi ve l’ha tolta per sempre.




19 dicembre 2007

AUGURI A TUTTI PER UN MONDO MIGLIORE

 
a u g u r i

www.gliscomunicati.it

...per chi non ha paura.
E per chi ne ha troppa...




30 giugno 2007

Torniamo a...bomba. Ganascia fiscale e fermi amministrativi...

...tornati da una indimenticabile Luna di Miele in Costiera Amalfitana, si torna ad oliare la mente e relativi neuroni.

La mia ultima - in ordine di tempo - campagna di sensibilizzazione, è relativa alla cosidetta "ganascia fiscale" che ha generato un inconsulto invio di quelle che ora vengono chiamate "cartelle pazze".

Quindi fra ganasce e pazzie, tentando estremamente - e se no perchè mi chiamerei "SenzaFreni"? - di non perdere la trebisonda, oltre ad aver generato (e pubblicato) una serie di articoli sul tema, ho creato una petizione per l'adeguamento e revisione della normativa che regola il recupero dei crediti statali per mano dell'agenzia (e) preposte - Equitalia s.p.a. , Gerit s.p.a. , Gestline s.p.a.

Il Dl è il 602/73 (con relativi aggiornamenti) che rende a tali agenzie un potere assoluto e totalmente aberrante per ogni cittadino italiano: con questo Dl - così com'è ora - dette agenzie hanno potere di "vita e di morte" incondizionato sui nostri c/c bancari, sulle nostre eventuali proprietà immobiliari e mobiliari...

Con la mia petizione, chiediamo in pratica che vengano intanto riviste alcuni punti sull'iter del recupero stesso.

Potete leggere (ed aderire) a questo link:

Petizione

e leggere alcuni articoli sulla situazione attuale ed anche con consigli ed informazioni su come e perchè...su:

Gli sComunicati

Peraltro, sono in contatto con due studi legali ed uno studio fiscale, che possono darvi suggerimenti ed informazioni.

Se interessati, scrivetemi su:

info@gliscomunicati.it

In Italia, non si sono persi i Diritti...
...stiamo "SOLO" dimenticando di averli.



sfoglia     luglio       
 


Ultime cose
Il mio profilo



PubblicitariaMente
Mediagonal: chi ci avrebbe mai creduto?
Gli sComunicati: leggi trasparente
Arsenico


Toleno

Irlanda

Beppone

Pink Floyd

Deep Purple

Led Zeppelin

John Mayall


HANNO GIà APERTO IL BLOG SU WWW.BLOGRADIO.NET:
Laboratorio Alchemico
Nashe Delo
SenzaFreni


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom